Movimento politico italiano fondato nel marzo 1919 da Benito Mussolini, costituitosi in partito nel nov. 1921, giunto al potere nell’ott. L’esperienza della guerra, l’esasperazione nazionalistica per la ‘vittoria mutilata’, il mito della rivoluzione bolscevica portarono alla radicalizzazione della lotta politica, che esplose con episodi di vera e propria guerra civile. Leggi gli appunti su il-fascismo qui. Fascismo in Italia - Riassunto Appunto di Storia sul Fascismo in Italia, con riassunti sull'instaurazione del regime, la marcia su Roma, l'Impero italiano e il Patto d'acciaio con la Germania. Il Fascismo è stato un movimento politico e un sistema di governo autoritario e fortemente nazionalista, lo vedremo in questo riassunto sul fascismo, che venne fondato in Italia da Benito Amilcare Andrea Mussolini pochi anni dopo la fine della prima guerra mondiale, più precisamente fu fondato nel 1919 a Piazza San Sepolcro in quel di Milano sotto il nome: “Fasci di combattimento“. Vittorio Emanuele III rifiutò di firmare il decreto di stato d’assedio, già promulgato da L. Facta, e il 31 ottobre chiamò al potere Mussolini, con il proposito di incanalare le forze fasciste nella legalità. Anche a causa della recessione dei primi anni 1930, l’espansione del f. in Europa avvenne con la presa del potere del partito nazionalsocialista in Germania (1933), che approfondì la crisi dell’equilibrio seguito alla Prima guerra mondiale, alimentando le pulsioni destabilizzatrici presenti in molti paesi. - Come ogni salda concezione politica, il fascismo è prassi ed è pensiero, azione a cui è immanente una dottrina, e dottrina che, sorgendo da un dato sistema di forze storiche, vi resta inserita e vi opera dal ... fascismo s. m. [der. La borghesia agraria diede un sostanzioso contributo allo sviluppo del f., mentre quella industriale fu più esitante a sostenerlo. Per la prima volta nella storia delle democrazie liberali europee, il governo era affidato al capo di un partito armato che aveva una modesta rappresentanza parlamentare, ripudiava i valori della democrazia liberale, esaltava la militarizzazione della politica e proclamava la sua volontà rivoluzionaria di trasformare lo Stato in senso autoritario. Codreanu e alla Guardia di ferro, partito milizia in cui convergevano motivazioni politiche e religiose e una netta tendenza antisemita. Il fascismo uccide Giacomo Matteotti. Anche, talora, sinon. Storia 1. Movimento fondato in Italia da B. Mussolini il 23 marzo 1919 a Milano e sistema politico che ne conseguì con la conquista del potere nel 1922. Dopo la fine della guerra, l’esperienza del f. di Salò fu, in larga parte, la matrice e il modello dei movimenti neofascisti ricostituiti in Italia. Forze politiche analoghe al f. italiano, cui spesso si ispirarono, sorsero fin dagli anni 1920 in quasi tutti gli Stati europei, e negli anni 1930 si delineò un movimento fascista internazionale che intrise della propria ideologia e del proprio costume anche regimi tradizionali. I, p. 571; II, 1, p. 904). Durante la dittatura di I. Antonescu, il partito di Codreanu (dopo il suo assassinio, guidato da H. Sima) assunse in un primo tempo responsabilità di governo e tentò nel 1941 un colpo di Stato che fallì. In Austria – dove erano presenti fin dal dopoguerra le Heimwehren («milizie patrie»), ispirate al f. italiano e da questo sostenute – la semifascistizzazione del paese fu avviata dalla cancelleria di E. Dollfuss con il varo della Costituzione corporativa del 1934, cui contribuì fortemente anche l’apporto del cattolicesimo. Dal 1929 al 1937 al ritmo di quattro volumi l’anno venne pubblicata l’Enciclopedia Italiana meglio nota come Enciclopedia Treccani di Francesco Lamendola I, p. 571). Per estensione il termine indica movimenti e regimi sorti in Europa e in altri continenti, dopo la Prima guerra mondiale.. 1. Subordinato ai Tedeschi, che lo utilizzarono soprattutto nella repressione antipartigiana, il f. repubblicano fu travolto dalla vittoria degli Alleati e delle forze di Resistenza il 25 aprile 1945. L'ascesa del nazismo è la progressiva diffusione ideologica e il progressivo aumento di potere del partito nazionalsocialista tedesco tra la Prima e la Seconda guerra mondiale. – Il periodo storico che in Italia seguì alla caduta (1943) del fascismo. Forte della sua rapida affermazione, il f. partecipò alle elezioni del 1921 nei Blocchi nazionali, patrocinati da G. Giolitti, conquistando 35 seggi. In Francia il governo di Vichy, alcune delle cui motivazioni risalivano alla tradizione conservatrice nazionale, nacque dal compromesso tra un’indipendenza formale e la sostanziale adesione alla politica degli occupanti. Nel 1922, con oltre 200.000 iscritti, un esercito privato, associazioni femminili e giovanili, sindacati con circa mezzo milione di aderenti, il PNF era la più forte organizzazione del paese. Con il discorso di Mussolini alla Camera (3 gennaio 1925), il f. entrò in una nuova fase di consolidamento al potere, mentre una raffica di misure repressive del governo e nuove violenze squadriste si abbatterono su partiti, giornali, uomini politici e intellettuali antifascisti. Il consolidamento del f. al potere avvenne attraverso diverse fasi. Le elezioni politiche del 1924, avvenute in un clima di intimidazioni e di violenze, assicurando una larga maggioranza al governo, sembrarono far prevalere la politica mussoliniana, ma l’assassinio di Matteotti e la conseguente secessione parlamentare della maggioranza dei deputati antifascisti (Aventino), diedero un grave colpo alla politica di coalizione e fecero vacillare il governo. Definizione. Definizione. La Repubblica Sociale Italiana. Il Fascismo in Italia: riassunto di storia. The early Victorian Age: Charles Dickens and industrial England - Oliver … Fra il 1936 e il 1939, forte del successo della conquista dell’Etiopia (1935-36) e della fondazione/">fondazione dell’impero (9 maggio 1936), che segnò il momento culminante del consenso degli Italiani al regime, il f. accelerò il processo totalitario. Gli anziani ricordano il periodo in cui il fascismo ha condizionato la loro vita. In Portogallo, il regime autoritario, illiberale e corporativo di A. Salazar non venne edificato con il supporto di movimenti di massa, ma si innestò sul regime militare inaugurato nel 1926 dal colpo di Stato del generale Ó. de Fragoso. Leggi gli appunti su fascismo qui. Nel 1922 i Fasci di combattimento marciano su Roma, portando al potere come primo ministro Mussolini. Nel 1938 Mussolini approvò l’annessione dell’Austria al Reich tedesco, e l’alleanza con la Germania fu firmata il 22 maggio 1939. La crescita del movimento, dopo il 1920, fu rapida: si trattava di un aggregato di vari ‘f. Il fascismo è stato un movimento politico nato in Italia nel 1919 a opera di Benito Mussolini. Il delitto Matteotti. Dal vocabolario Treccani alla voce "propaganda" ... La vita della donna, incapace di grandi costruzioni spirituali, è per il fascismo dominata dall’amore, per i figli o per il marito. Infine, si fondarono su rivendicazioni etniche e regionaliste alcuni governi collaborazionisti cui non furono estranei indirizzi politici propri del f. e del nazionalsocialismo, quali la Slovacchia di J. Tiso e la Croazia di A. Pavelić e degli ustaša. La Confederazione dei sindacati fascisti (1922), potente organizzazione sotto la guida di E. Rossoni, subì nel 1928 uno svuotamento del proprio potere a vantaggio dei datori di lavoro, e ciò fu solo in parte compensato dalla politica sociale e assistenziale del regime (contratti collettivi, provvedimenti per fronteggiare la disoccupazione, assicurazioni sociali, organizzazione del tempo libero attraverso l’Opera nazionale dopolavoro). Le origini del f. in Italia. Il f. rivendicava una diversità privilegiata dagli altri partiti, ponendosi al di sopra delle leggi in nome della pretesa superiorità della sua etica politica: chi si opponeva al f. era considerato un ‘nemico della nazione’, contro il quale era lecita qualsiasi forma di violenza. fascismo treccani Nel 1997 è stata ripubblicata la voce, con gli aggiornamenti nelle Appendici del 1938, 1948 e 1961, con prefazione di Giorgio Galli. Si tratta ... Enciclopedia delle scienze sociali (1994). Nessuna forma di critica al governo, allo Stato e ai loro rappresentanti era consentita (l. 2008/1926); fu reintrodotta la pena di morte per i reati contro ‘la sicurezza dello Stato’ e fu istituito un Tribunale speciale per giudicare i delitti contro lo Stato e il regime. ● In senso più stretto, e in epoca moderna, sistema ... MILIZIA VOLONTARIA PER LA SICUREZZA NAZIONALE, ISTITUTO PER LA RICOSTRUZIONE INDUSTRIALE, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A. © Tutti i diritti riservati. Riproduzione riservata, /magazine/webtv/videos/Int_Alberto_Melloni_Il_protestantesimo_in_Italia_oggi.jsp, /magazine/webtv/videos/Int_Grande_guerra_Scandaletti.html, /magazine/webtv/videos/Itin_Storia_la_caduta_del_fascismo_parte_II.html, /magazine/webtv/videos/New_italian_books.html, /magazine/webtv/videos/Webinar_Raffaello_Sanzio_Passeggiata_in_Mostra.html, /magazine/webtv/videos/Webinar_Il_valore_dello_sport.html, /magazine/webtv/videos/Quando_riparte_lo_spettacolo.html, /magazine/webtv/videos/pdnm_della_valle_endorsement.html, /magazine/webtv/videos/pdnm_della_valle_esodato.html, /magazine/webtv/videos/pdnm_della_valle_femminicidio.html, /magazine/webtv/videos/Int_Luciano_Canfora_libro.html, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A. © Tutti i diritti riservati. Storia — Biografia, morte e frasi di Benito Mussolini, fondatore del fascismo a seguito della Marcia su Roma del 1922. Gli appunti dalle medie, alle superiori e l'università sul motore di ricerca appunti di Skuola.net. □ Bibliografia. De Vecchi, M. Bianchi, fu un’arma di pressione e di ricatto sul governo e sul re per indurli a cedere alle sue pretese. Mussolini riuscì a porre fine all’anarchia dei ras e a bloccare le ambizioni degli integralisti come R. Farinacci, nominato nel 1925 (e liquidato nel 1926) segretario del PNF, che con il nuovo statuto (1926) fu definitivamente sottoposto agli ordini del duce e privo di una propria volontà politica. di fascio]. Il 25 luglio 1943, Mussolini veniva destituito da capo del governo. La seconda metà degli anni 1930 segnò il declino di movimenti quali la British Union of Fascists in Gran Bretagna e il movimento rexista in Belgio. Durante la segreteria di A. Turati (1926-30), di G. Giuriati (1930-31) e soprattutto di A. Starace (1931-39), il partito ampliò la sfera del suo controllo e delle sue prerogative assumendo una posizione privilegiata nel regime e nell’organizzazione delle masse. Il regime fascista italiano. Dallo squadrismo, il PNF derivò l’organizzazione e l’ideologia, assumendo definitivamente il carattere di ‘partito milizia’. di neofascismo. Come la storiografia dell’ultimo decennio ha dimostrato1, il progetto espansionistico del fascismo contemplava il controllo del Mediterraneo, un’aspirazione che spiega sia l’attacco alla Francia per minarne l’impero, sia la guerra nei Balcani. Quando si verificò il tentativo di colpo di Stato nazista in Austria (1934), Mussolini reagì inviando truppe al Brennero. sm. Il vecchio statista pensava di porre fine allo squadrismo ‘parlamentarizzando’ il f. ma, dopo il successo elettorale, Mussolini recuperò libertà di azione, mentre continuarono le violenze degli squadristi contro socialisti, comunisti, repubblicani, popolari ed esponenti parlamentari. Sorse soprattutto a opera di alcune formazioni e partiti dell’Italia prefascista, ... (RSI) Denominazione assunta dal regime fascista repubblicano instaurato il 23 settembre 1943 da B. Mussolini, nella parte di territorio italiano occupato dai Tedeschi. Le condizioni per la nascita e il successo del f. furono però poste dalla guerra e dalle sue conseguenze economiche, sociali, culturali e morali, che accelerarono violentemente la trasformazione della società e la crisi dello Stato liberale, suscitando nuove forze che non si riconoscevano nella democrazia parlamentare.